Rewind 003

30 Luglio 2020

REWIND

Il periodo di chiusura temporanea è stato per la Fondazione Antonio Ratti l'occasione per rendere attivo il proprio archivio.
Nel corso dei suoi trentacinque anni di attività , la FAR ha promosso numerosi incontri, conferenze, workshop, seminari e pubblicazioni, invitando alla riflessione esperti di ambiti diversi, dall'arte contemporanea alla storia del tessuto, dall'antropologia alla letteratura fino alla cultura d'impresa. Il progetto Rewind ha come scopo la diffusione e la condivisione di questa straordinaria risorsa. Il materiale selezionato, presentato con cadenza bisettimanale, spazia fra periodi e discipline diverse, offrendo una nuova prospettiva su tematiche e idee ancora attuali.
 
Guardare indietro, ri-ascoltare, re-imparare diventano così strategie per andare avanti e l'archivio si attiva come strumento fondamentale per immaginarsi nel futuro.

REWIND 003
Lea Vergine, L'arte come specchio di paure e desideri
03.04.2009, Archivio Fondazione Antonio Ratti

Ascolta la conferenza su Soundcloud

“Alle cose insensate dare senso e passione ” - Giambattista Vico

Per la seconda volta relatrice alla FAR, Lea Vergine, invitata da Mario Fortunato nell’ambito delle Ratti Lectures, dedica il proprio intervento alla figura dell’artista nel contesto sociale. Riprendendo Il corpo come linguaggio (la "Body-art" e storie simili), una delle sue pubblicazioni più conosciute, descrive gli artisti come coloro che riescono (e noi con loro) a “aggirare i nodi, a scivolare sulle tangenti del tema che sostanzialmente è sempre quello: la paura e la fatica del vivere ”.

Lea Vergine affronta poi brevemente altre tematiche di più stringente attualità, come il rapporto fra moda e arte, la globalizzazione dell’arte con particolare riferimento all’Oriente e un’acuta analisi del sistema dell’arte contemporanea partendo dalle interferenze fra la figura del critico e quella del curatore.

Lea Vergine (1938, Napoli), curatrice e critico d'arte, è autrice di importanti pubblicazioni sull'arte contemporanea. Tra queste: Il corpo come linguaggio (la "Body-art" e storie simili) (1974), Attraverso l'arte. Pratica politica / pagare il '68 (1976), L'arte ritrovata: Alla ricerca dell'altra metà dell'Avanguardia (1982), L'arte in gioco (1988), Gli ultimi eccentrici (1990), Arte in trincea. Lessico delle tendenze artistiche 1960-1990 (1996), Ininterrotti transiti (2001), La vita, forse l'arte (2014), L'arte non è faccenda di persone perbene. Conversazioni con Chiara Gatti (2016).
Ha curato numerose mostre, tra cui L'altra metà dell'avanguardia (Milano, Roma, Stoccolma, 1980-81), Geometrie dionisiache - in Italia oggi l'arte giovane (Milano 1988), Trash. Quando i rifiuti diventano arte (Trento, Rovereto, 1997-98). Ha scritto per Il Corriere della Sera e Il Manifesto. Alla FAR, Lea Vergine ha anche tenuto la conferenza Corpo mistico e corpo sociale (20 luglio 2002) durante lo CSAV - Artists' Research Laboratory tenuto da Giulio Paolini.


---
In precedenza a Rewind

REWIND 001
Alanna Heiss, PS1 e oltre
17.12.2010, Archivio Fondazione Antonio Ratti
Ascolta la conferenza su Soundcloud
Scarica il testo tradotto in italiano in formato PDF a questo link

REWIND 002
Marina Warner, Affinità  elettive: lo sciamano, l'ospite e il linguaggio delle cose
05.07.2007, Archivio Fondazione Antonio Ratti
Ascolta la conferenza su Soundcloud
Scarica il testo tradotto in italiano in formato PDF a questo link


REWIND

The temporary closure becomes an opportunity for the Foundation to reactivate its archive. Over the past 35 years FAR has presented numerous conferences, workshops, seminars and publications inviting thinkers from different fields: contemporary art, textile history, anthropology, literature and more. Our Rewind project aims to spread and share this amazing resource.
The selected materials, presented on a biweekly basis, range across different times and disciplines, offering a new perspective on themes and ideas that are still relevant today.
 
Looking back, re-hearing, re-learning become strategies to move forward and the archive is activated as a fundamental tool to imagine ourselves in the future.

REWIND 003
Lea Vergine, Art as a Mirror of Fears and Desires
03.04.2009, Archive Fondazione Antonio Ratti

Listen on Soundcloud
Download the PDF of the English translation here

" Give sense and passion to senseless things " - Giambattista Vico
 
For the second time speaker at FAR, Lea Vergine focuses her intervention on the figure of the artist within the social context. Taking up one of her best-known publications such as Body as Language, she describes the artists as those who "manage - and so do we - to get around the knots of life, to drift along the tangents of the question at stake which is basically always the same: the fear and trouble of living ”.
Quoting Mario Fortunato, curator of the Ratti Lectures’ cycle: “the idea was to address the theme of contemporary art, one rightly or wrongly considered too difficult or elitist, starting from keywords with a direct and clear meaning – fear and desire, in this case. ”
Then, Lea Vergine briefly addresses other pressing issues, such as the relationship between fashion and art, the globalization of art with particular reference to the East and a critical analysis of the contemporary art system, starting from the interference between the figure of the art critic and that of the curator.

Curator and art critic of Corriere della Sera and Il Manifesto, Lea Vergine (1938, Naples) is the author of important publications about issues of contemporary art. Among them: Attraverso l'arte. Pratica politica / pagare il '68 (1976), L'arte ritrovata: alla ricerca dell'altra metà dell'avanguardia (1982), L'arte in gioco (1988), Gli ultimi eccentrici (1990), Body Art: the Body as Language (eng. ed. 2000), Art on the Cutting Edge: a Guide to Contemporary Movements (eng. ed. 2001), Ininterrotti transiti (2001), La vita, forse l'arte (2014), L'arte non faccenda di persone perbene. Conversazioni con Chiara Gatti (2016).
She curated numerous exhibitions, including L'altra metà dell'avanguardia (Milan, Rome, Stockholm, 1980-81), Geometrie dionisiache - in Italia oggi l'arte giovane (Milan 1988), Trash. Quando i rifiuti diventano arte (Trento, Rovereto, 1997-98). At FAR, Lea Vergine also gave the lecture Mystical Body and Social Body (20th July 2002) during the CSAV - Artists' Research Laboratory held by Giulio Paolini.


---
Before on Rewind

REWIND 001
Alanna Heiss, PS1 and Beyond
17.12.2010, Archive Fondazione Antonio Ratti
Listen on Soundcloud

REWIND 002
Marina Warner, Elective Affinities: the Shaman, a Guest and the Language of Things
05.07.2007, Archive Fondazione Antonio Ratti
Listen on Soundcloud